You are here

01 Luglio 2013

IL GRUPPO MIROGLIO RINNOVA LA GOVERNANCE

GIUSEPPE MIROGLIO ASSUME LA PRESIDENZA ESECUTIVA.
DANIEL JOHN WINTELER NUOVO AMMINISTRATORE DELEGATO.

Il Gruppo Miroglio, azienda leader nel tessile abbigliamento fondata nel '47 da Giuseppe Miroglio, ha deciso di varare un fondamentale rinnovamento della governance.

In occasione della prossima assemblea, che avrà luogo entro luglio, nel contesto di una serie di nuove nomine ancora in corso di definizione, l'attuale amministratore delegato Giuseppe Miroglio,  nipote e omonimo del fondatore, assumerà la carica di presidente esecutivo, con deleghe per le strategie, mentre l'incarico di amministratore delegato verrà conferito a un nuovo top-manager di esperienza e fama internazionale: Daniel John Winteler, che ha per questo lasciato l'attuale incarico di capo-azienda presso la Sagat, società di gestione dell'aeroporto di Torino. Vicepresidente verrà nominata Elena Miroglio, già da anni manager del gruppo, a cui spetterà la supervisione sulle strategie, attività di supporto dell’offerta, dell’immagine e della distribuzione.

Il futuro amministratore delegato Winteler – cinquant'anni, nato a Pittsburgh, laurea in economia alla Bocconi e successivamente formatosi  alla London Business School – ha al suo attivo una carriera  diversificata presso grandi multinazionali, quali  Carlo Erba, Ciba Geigy, dove è stato anche membro del team che ha gestito la fusione tra Ciba e Sandoz  da cui è nata la Novartis. Dal 2000  top-manager nel Gruppo Agnelli, prima come direttore generale e amministratore delegato dell'Ifil,  poi come presidente e amministratore delegato del gruppo Alpitour.

La ridefinizione dei vertici del gruppo Miroglio, con l'assunzione della presidenza da parte dell'esponente di riferimento della famiglia azionista e l'arrivo di un manager di riconosciuto spessore internazionale come amministratore delegato, completa la fase di potenziamento gestionale dell'azienda finalizzata al progresso della sua globalizzazione e al ritorno alla piena redditività.