You are here

24 Ottobre 2012

Il Gruppo Miroglio rafforza la sua presenza in Russia

Inaugurazione del nuovo flagship store Elena Mirò ed evento presso l’Ambasciata Italiana a Mosca.

Giovedì 25 ottobre 2012 è stato caratterizzato da due momenti importanti per il Gruppo Miroglio.
Elena Mirò, brand del Gruppo Miroglio e leader a livello internazionale nel prêt-à-porter “curvy”, ha inaugurato a Mosca un flagship store nel centralissimo quartiere Kuznetskiy, a pochi passi dal Teatro Bolshoi e dalla Piazza Rossa.
Sul territorio russo Elena Mirò è ora presente con 8 negozi, destinati a diventare 20 entro il 2015.
Il nuovo negozio si estende su due piani, per una superficie totale di 200 metri quadrati ed è ispirato al nuovo concept store del brand, caratterizzato dall’accostamento di materiali tradizionali a materiali pregiati come il legno noce canaletto, il travertino turco (per pavimento e scale) e il vetro seta (per il rivestimento pareti). Ne deriva un insieme accogliente, elegante e moderno grazie anche alle pareti multimediali dotate di video wall e stripe.
L’inaugurazione del nuovo flagship store è stata seguita, in serata, da un evento presso l’Ambasciata Italiana a Mosca, alla presenza della business community russa, di imprenditori italiani e degli organi di stampa. Ad accompagnare l’evento, una performance live dell’artista italiana Nina Zilli. Una occasione per sottolineare l’impegno del Gruppo, già presente sul territorio attraverso una struttura dedicata – la Russian Market Development Organisation – che gestisce 4 brand di abbigliamento con 111 negozi monomarca (Motivi, Elena Mirò, Caractère e Fiorella Rubino) ed un’area Textile.
L’evento si è svolto sotto il patrocinio di “Exhibitaly- Eccellenze italiane d’oggi”, programma di promozione delle produzioni italiane di alta qualità patrocinato dal Governo russo e promosso dal Comitato istituito in Italia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Esteri, il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e l’Ice.